Si concretizza la spaccatura nei Dem: «Con l’appoggio a Di Giacinto è stata ribaltata la volontà del circolo»

Il nuovo scossone. sulla scena politica isolana in vista del voto del prossimo settembre, è arrivato nella serata di ieri. E a portarlo è quella parte del locale Partito Democratico che si è auto ribattezzata come “maggioranza delegittimata”.

In una nota, il gruppo che rappresenterebbe la fazione prevalente all’interno del direttivo del circolo, punta il dito contro la governance che avrebbe scelto di convergere su Fiore Di Giacinto pur non rappresentando la volontà del la maggioranza che, invece, aveva dato il via libera all’accordo con Andrea Ianni. Ma c’è di più: ovvero l’annuncio, del gruppo stesso, dell’appoggio allo stesso Ianni e alla sua lista “Insieme per Isola”.

Una scelta che sancisce, di fatto, la spaccatura definitiva all’interno del Pd Isolano. Spaccatura che aleggiava da giorni e che ieri si è concretizzata_ «Dopo mesi di discussioni, nel breve spazio di un mattino, quella che era la chiara e netta decisione del gruppo dirigente di sostenere la candidatura a sindaco di Andrea Ianni e non di Fiore Di Giacinto, è stata clamorosamente ribaltata – si legge nella nota di ieri sera – La maggioranza del circolo calpestata, mesi di discussioni buttati al vento. Era chiaro a tutti che il percorso di convergenza delle forze di minoranza negli ultimi anni avrebbe dovuto portare ad una lista che unisse Pd, Crescita Comune e Sinistra per Isola; inoltre il coinvolgimento dell’espressione territoriale del Movimento 5 Stelle ricalca perfettamente lo schema nazionale. E invece il Pd di Isola, ufficialmente, fa tutto il contrario e va a sostenere Fiore Di Giacinto e il suo “minestrone” totalmente privo della necessaria condivisione di una linea programmatica per Isola – un altro passaggio della nota – Siamo veramente esterrefatti.

Piergiorgio Possenti, segretario provinciale del PD

Ma andiamo a ricordare quale incredibile iter ha determinato un esito che definiremmo comico. Ebbene. dapprima abbiamo dovuto apprendere che sarebbero partite ben 60 telefonate ad altrettante famiglie sostenitrici del Pd del territorio isolano, nelle quali si sarebbero registrate 59 adesioni pro Fiore e solo 1 pro Ianni … Mirabolante! Ma sarà vero? E quali sono queste famiglie? Com’è stato posto il quesito? E soprattutto, con quale mandato? Non ci è dato saperlo! A ciò è poi seguita, per bocca del Segretario Provinciale Possenti, una incauta dichiarazione di capovolgimento della scelta precedentemente effettuata dal gruppo dirigente. Tale dichiarazione è stata resa durante una surreale riunione “aggiuntiva” – peraltro indetta con modalità totalmente contrarie alle più banali norme di garanzia – durante la quale uno sparuto gruppo di presenti non ba potuto fare altro che prendere atto di una decisione assunta non si sa bene da chi, né in quale sede».

Quindi il gruppo annuncia l’appoggio a Ianni come atto di “coerenza politica” «Orbene, tale violenza ha costretto tutti quelli che precedentemente si erano trovati a condividere delle ragioni di sana politica in piena spontaneità, e parliamo della maggioranza sopra citata, quella che ora vi scrive, a reagire con sdegno, a costituirsi come gruppo, a lottare per ristabilire la verità – conclude la nota – Oggi questa maggioranza, che non intende sottomettersi. ufficializza il proprio sostegno alla lista “‘lnsieme per Isola” guidata da Andrea Ianni e invita gli ultimi compagni di partito, cosi scossi e confusi , rimasti per pura disciplina a sostegno della scellerata scelta ufficiale del Pd isolano, a sostenere la nostra decisione, che ci sembra. in questo momento storico, la migliore per Isola»

Fonte: La Città