Giornata ecologica a Isola del Gran Sasso, organizzata dal gruppo civico “ Crescita comune”. L’iniziativa, la seconda dopo quella del 31 gennaio scorso, ha riguardato la pulizia dei rifiuti nell’area circostante la strada tra le frazioni Cesa di Francia e Forca di Valle dove è stata trovata una vera e propria discarica abusiva.

«Alcuni cittadini ci avevano segnalato rifiuti abbandonati quella zona», ha raccontato Marta Di Francesco, coordinatrice gruppo ambiente “ Crescita comune”, «ma non credevamo di trovare uno scempio simile. Buttato nella natura c’era di tutto: computer e televisioni, moto e motorini, arredo bagno, mobilia, damigiane, materassi e addirittura materiale edile. Chiunque passa per quella strada si ferma e butta tutto di sotto come se niente fosse».

Il gruppo ambiente, venerdì pomeriggio, ha continuato anche l’opera di bonifica di un sito abbandonato, un’area pic-nic vicino al santuario di San Gabriele. «Con la prima giornata ecologica volevamo dare un segnale forte di esempio e di sensibilizzazione al problema», ha proseguito Di Francesco, «ma abbiamo visto che l’emergenza rifiuti abbandonati si aggrava sempre di più. La nostra è un’azione simbolica che ha il fine di far capire che buttare i rifiuti nella natura, deturpandola, è un’azione scorretta e priva di senso civico che si rivela un boomerang per noi stessi e che dovrebbe spingerci a farci cambiare le abitudini scorrette».

Fonte: Il Centro