Celebrano i cento giorni con denuncia per oscenità

 

Gruppo di ragazzi pescati dai vigili mentre amoreggiavano in libertà sulle scale del santuario

Scoperti e denunciati dalle forze dell’ordine a fare sesso con gli amici all’aperto durante l’appuntamento dei Cento giorni dagli esami al santuario di San Gabriele ad Isola. Proprio lì, a pochi passi dal luogo dov’è custodito il corpo del Santo protettore dei giovani. Si tratta di un gruppetto di 6 giovani (2 delle quali ragazze) che anziché pensare a pregare e farsi benedire la penna con la quale dovranno affrontare l’esame di maturità alle porte, com’è ormai tradizione, si è invece “appartato” sotto la scalinata che dal parcheggio del santuario sale verso la collina per fare sesso uno accanto all’altro. Quando, infatti, i ragazzi sono stati scoperti a metà mattinata, la scena è stata a dir poco imbarazzante… per il Carabiniere che li ha beccati in “flagranza” e non di certo per loro! E sì, perché a quanto pare la risposta dei giovani è stata: «Ma che stavamo facendo di male?» Nulla se si pensa che l’amore, riferito al sesso, è qualcosa di assolutamente naturale. Certo, però, non davanti ad un santuario in gruppo con gli amici, per di più con due spettatori che attendevano di dare il cambio.

A quanto pare una delle due ragazze stava avendo contemporaneamente un rapporto con un compagno (si spera almeno che quel ragazzo lo conoscesse e non fosse stato un incontro occasionale di quel giorno!), mentre l’altra ragazza stava avendo un altro rapporto con un secondo ragazzo. Tutto questo insieme, una “coppia”, si fa per dire, accanto all’altra, mentre altri due ragazzi, questi vestiti, guardavano e probabilmente attendevano il proprio turno. I cinque sono stati identificati dalle forze dell’ordine e successivamente denunciati per atti osceni in luogo pubblico.

Una cosa è certa: che i cento giorni dagli esami sia ormai diventato un appuntamento scambiato per una giornata in cui non si va a scuola autorizzati dai propri genitori era chiaro e i numeri lo dimostravano: basti pensare ai sequestri di sostanze stupefacenti o a quanti giovani rischiano il coma etilico proprio in quella giornata. Ma che si potesse arrivare persino a fare sesso con gli amici davanti ad un santuario, questo davvero supera ogni immaginazione.

Fonte: Il Messaggero

  • isolano [n.a.]

    Va be' ….Forse poco edificante. Lo facesse mia figlia, la spedirei in convento.

    Ma siamo sicuro che e' cosi' grave? Gesu' Nostro Signore disprezzava i farisei, ipocriti e corrotti, e caccio' i mercanti dal tempio, perche' dentro (e anche intorno…) alla casa di Dio non e' lecito fare mercimonio. Perdono' invece la prostituta Maddalena.

    In questa storiella, chi sono i farisei?
    Chi i mercanti?
    Chi la Maddalena?

    Meditiamo

    Ti piace il commento?
  • nicola casale

    Evviva l'amore in tutti i sensi, ma solo quello tra persone consenzienti ,evviva il sesso ma quello puro…..Io forse da cattolico nn praticante , punirei i mercanti di fede i preti pedofili e quel centro commerciale che si da lavoro ma nn ha niente a che vedere con i valori dati dal Vangelo e soprattutto quel centro commerciale che appartiene proprio ai predicanti di fede che hanno preso il posto dei mercanti. Poveri Santi che forse credeveno che attorno a loro si creassero luoghi di fede e amore…mentre ora si ritrovano vere e proprie multinazionali del dio denaro che predicano fede in cambio dei soldi……senza parlare dei preti pedofili che fanno proprio pietà……

    Ti piace il commento?
  • isolano [n.a.]

    Ma Padre Pio, avrebbe approvato la sepoltura in una cripta d'oro massiccio (vedi notizie giornale di oggi)?
    Ma non era piu' facile far passare un cammello per la cruna di un ago che un ricco per le porte del Paradiso?

    Ma questa classe religiosa e' ancora credibile?

    Qualcuno mi puo' rispondere?

    Ti piace il commento?
  • Gianluca Di Carlo

    Ciao,
    ti consiglio di leggere "Disputa su Dio e dintorni" di Corrado Augias e Vito Mancuso, un ateo e un teologo che discutono con onestà intellettuale delle domande più profonde che affliggono l'uomo. Se tutte le persone di chiesa fossero come Mancuso molti non si sarebbero allontanate dalla religione. Anzi, mi chiedo come ancora non lo abbiano scomunicato: afferma concetti che sono semplici e naturali per molti di noi, ma per la chiesa no, chiusa nelle sue regole a nei suoi stereotipi. Un libro da non perdere se si vuole cercare di capire meglio cosa siamo e cosa potremmo essere.

    Per maggiori dettagli sul libro: http://www.anobii.com/books/016f12cb4e469bb00b

    Ti piace il commento?
  • isolano [n.a.]

    Lo faro' di certo, grazie per il consiglio.
    E complimenti per il sito!!!

    Ti piace il commento?