Alfredo Di VaranoIl sindaco di Isola del Gran Sasso Alfredo Di Varano interviene e rassicura i cittadini della frazione di Casale San Nicola gettati secondo il primo cittadino “in grave allarme” dopo la diffusione della notizia riguardante la relazione del geologo Giorgio Di Ventura che individuerebbe la necessità di “spostare” il paesino alle pendici del Gran Sasso minacciato da una frana.

Secondo Di Varano la situazione di Casale San Nicola è invece sotto controllo e non ci sarebbe alcuna necessità di spostare l’intero paese altro. Per il sindaco la questione sarebbe nota da tempo (“da metà degli ‘80”) e sarebbero già state prese tutte le precauzioni necessarie a scongiurare ogni rischio per le abitazioni e le persone.

«Nel corso degli anni sono stati attuati due distinti interventi volti alla mitigazione del rischio», spiega il sindaco, «in una prima fase sono stati realizzati un vallo paramassi e un sistema di stabilizzazione con reti delle rocce e, successivamente, alla fine degli anni ’90, sono stati realizzati un ulteriore sistema di consolidamento della parete, mediante l’imbracatura delle rocce instabili e la tirandatura delle stesse, oltre che il miglioramento del vallo, accompagnati da un progetto di monitoraggio. Quest’ultimo intervento è stato progettato, tra gli altri, dal geologo Giorgio Di Ventura, incaricato, peraltro, anche del progetto di monitoraggio».

Il monitoraggio si è concluso nel 2007 – come spiega il sindaco – con una relazione conclusiva a firma dell’ingegner Elio Tarea e del geologo Di Ventura che «registrava una stabilizzazione della parete laddove fu eseguito l’Intervento di consolidamento, segnalando, invece, attività nella parte non oggetto di intervento. Sulla scorta di ciò è stato progettato e finanziato con fondi ministeriali nell’anno 2012 un ulteriore intervento, appaltato nei mesi scorsi».

Tale intervento, di importo complessivo pari a circa un milione di euro, prevede la realizzazione di più barriere paramassi. «La scelta progettuale è stata effettuata dopo aver scartato, per varie ragioni tecniche ed economiche, le altre ipotesi in campo», prosegue Di Varano, «prevedendo, peraltro, di utilizzare le economie di asta per un ulteriore progetto di monitoraggio dell’intero versante. L’intervento è stato progettato dall’ingegner Luca Di Francesco sulla scorta di uno studio geologico, geomeccanico ed indagini geognostiche eseguito dal geologo Di Ventura. Si tratta di opere volte a mitigare fortemente il rischio idrogeologico per il paese, riducendo di molto le possibilità di impatto di eventuali distacchi di blocchi rocciosi. E’ evidente, pertanto, come il geologo Giorgio Di Ventura, abbia pienamente condiviso le scelte progettuali effettuate».