A tradirla sono stati gli stessi rifiuti che aveva gettato nella discarica abusiva della zona industriale di Isola del Gran Sasso. Per questo motivo una donna di Montorio al Vomano dovrà pagare una salatissima multa da 600 euro.

[button link=”#foto” size=”medium”]Guarda le foto dello scandalo.[/button]

Dopo le denunce dei cittadini, arrivate anche attraverso le pagine del giornale “La Città”, si intensifica la lotta delle istituzioni contro gli incivili che preferiscono disfarsi dei rifiuti, spesso ingombranti, lasciandoli abbandonati in luoghi isolati. A volte a pochi metri dal Parco Nazionale del Gran Sasso.

Ad entrare in azione sono stati gli uomini del Corpo Forestale dello Stato che hanno portato avanti una serie di indagini per cercare di risalire ai proprietari dei rifiuti. Una pista che li ha portati fino alla donna di Montorio. Ad ingombrare il piazzale nei pressi della zona industriale, infatti, non ci sono solamente inerti, bottiglie, televisori ed altri elettrodomestici ma anche materiale facilmente identificabile.

Durante il nostro sopralluogo, ad esempio, notammo un grosso trolley da viaggio sul quale era ancora appeso il tesserino di riconoscimento. Analizzando quindi il materiale presente gli uomini della Forestale sono riusciti a risalire alla proprietaria che ora sarà sanzionata pesantemente. Ma per lei le brutte notizie non finiscono qui visto che, a questa prima multa si aggiungerà quella del Comune di Isola del Gran Sasso che da qualche tempo ha annunciato tolleranza zero nei confronti degli incivili. “Innanzitutto provvederemo ad installare un sistema di video sorveglianza nelle zone a rischio, afferma il sindaco Alfredo Di Varano – provvederemo allo smaltimento dei rifiuti il cui costo, purtroppo, andrà a gravare sulle tasche dei cittadini”. Secondo una prima stima, infatti, per ripulire solo l’area nei pressi della zona industriale serviranno almeno 15 mila euro. I lavori dovrebbero cominciare all’inizio del mese prossimo. “Secondo la nuova normativa — aggiunge — tutte queste spese andranno a incidere sulla Tares ed è profondamente ingiusto che un’intera comunità debba rimetterci a del comportamento errato dì poche persone. Per questo motivo da oggi in poi intensificheremo i controlli e sanzioneremo pesantemente chi abbandona i rifiuti in strada”. Gli incivili sono avvisati.

Fonte: La Citta Quotidiano, Pietro Colantoni

Vi ricordo che è disponibile l’applicazione fix.isoladelgransasso.it per segnalare anche discariche abusive. E’ uno strumento per il controllo del territorio, usatelo.

Le foto che seguono sono state scattate da Pietro Colantoni