Pubblicate le foto degli effetti dell’incendio.
Un rogo doloso nei pressi della frazione di Isola minaccia le case, sei feriti tra i soccorritori.
Sul posto anche un elicottero.

Guarda le foto dell’incendio

Dieci ettari di bosco divorati dalle fiamme, numerose case minacciate, due vigili del fuoco e quattro volontari della protezione civile ustionati: è il bilancio del drammatico rogo che ieri mattina è divampato a Forca di Valle, una frazione del comune di Isola, nel parco Gran Sasso-Monti della Laga. Dalle 10 alle 13 nel piccolo centro abitato si è scatenato l’inferno con gente in strada, pompieri al lavoro per fermare le lingue di fiamme alimentate dal forte vento di scirocco ed un elicottero in volo per gettare acqua. Vigili del fuoco, carabinieri e Forestale concordano sull’origine dolosa del rogo e per tutto il pomeriggio l’area e stata perlustrata alla ricerca di inneschi.

In serata, poi, la gente del posto ha deciso di controllare l’area bruciata per impedire eventuali altri roghi, anche se intorno alle 23 un focolaio ha ripreso vigore. Nella zona un primo incendio era divampato nella tarda serata di mercoledi, quando le fiamme avevano attaccato il bosco. L’immediato intervento dei pompieri e della Forestale sembrava aver risolto tutto, ma ieri mattina il rogo ha ripreso.

Le prime fiamme, partite all’interno del bosco, sono state avvistate intorno alle 10. In poco tempo sono arrivati decine di volontari della Protezione civile, che si trovavano nel piazzale del santuario di Isola, a pochi chilometri di distanza, per la manifestazione dei giovani diretti a Loreto per l’incontro con il Papa, le squadre dei vigili del fuoco di Teramo e dell’Aquila e gli uomini della Forestale. Le fiamme, alimentate dal vento, si sono ben presto estese fino ad arrivare a minacciare alcune case. La gente si e riversata in strada e per qualche minuto si e temuto che le abitazioni dovesserero essere sgomberate.

Due vigili del fuoco di Teramo sono rimasti feriti: M.N., 35 anni, ha riportato ustioni di secondo grado sulle mani, mentre G.G.D, 43 anni, e rimasto intossicato dal fumo. Con loro sono rimasti feriti anche quattro volontari del gruppo della Protezione civile di Mosciano, che hanno riportato delle ustioni alle mani: si tratta di M.N., 30 anni, di Giulianova, S.C.,-22 anni, L.P., 36 anni e C.S., 40 anni, tutti e tre di Mosciano. Per tutti la prognosi e di circa dieci giorni.

E ieri mattina alcuni residenti di Forca di Valle hanno protestato perchè ormai da mesi l’acqua potabile in paese arriva solo con le autobotti e in molti ieri non avevano l’acqua per bagnare i muri dei recinti di casa minacciate dalle fiamme. “C’è questa situazione”, ha replicato il sindaco Fiore Di Giacinto, “ma ogni giorno mandiamo un autobotte da 100 quintali. Stiamo cercando di risolvere il problema dovuto ad un abbassamento delle falde.”

Fonte: Il Centro