C’è il timore che possa accadere un incidente nel traforo del Gran Sasso. C’è il timore che possa ripetersi la tragedia del Monte Bianco. C’è la paura che possa scoppiare un incendio in galleria. "Tentiamo di eliminare qualsiasi fattore di rischio che possa causare una tragedia tipo Monte Bianco" afferma Mariano Maccarelli, amministratore delegato della società Strada dei parchi, concessionaria dell’A24 e dell’A25. "Noi subiamo la decisione del commissario straordinario di chiudere una galleria del traforo, quella in direzione L’Aquila che permette l’accesso ai laboratori dell’Istituto di fisica nucleare – continua – e possiamo soltanto predisporre tutte le misure necessarie perchè sia garantita la sicurezza degli utenti".

I lavori di manutenzione dei laboratori si svolgeranno dal 23 maggio al 30 settembre, anche se le date non sono state ancora ufficializzate. Il commissario straordinario, Angelo Balducci, ha stabilito che, per tutta la durata dei lavori, "il traffico verrà regolato a senso unico alternato nell’altra galleria, libera dai lavori, con turni di circa trenta minuti, regolati da semafori".

La società Strada dei parchi collaborerà alla gestione dell’emergenza mettendo a disposizione il proprio personale per limitare i disagi e garantire la sicurezza. Durante il periodo dei lavori, prima di mettersi in viaggio, sarà opportuno informarsi sulla situazione del traffico nel tratto interessato e valutare, eventualmente, un percorso alternativo. Il traffico sarà regolato da un semaforo e una sbarra alle due estremità della galleria. Il personale incaricato darà il via libera una volta che la galleria è stata liberata dal flusso del senso di marcia opposto. All’interno della galleria i mezzi pesanti transiteranno sulla corsia di destra, mentre gli altri su quella di sinistra. Le due corsie saranno separate da delineatori, pertanto non sarà possibile effettuare cambi di corsia. Per accertarsi che la sede stradale sia definitivamente sgombra, una safety car, anzi: una safety… moto, aprirà la colonna dei veicoli in transito e un’altra la chiuderà, prima di dare il via al flusso contrario. "La staffetta in moto sarà attrezzata per lo spegnimento di eventuali incendi – dice ancora l’amministratore delegato della Strada dei parchi -. Non è stato possibile consentire il doppio senso di marcia nella galleria libera perchè i pullman, ad esempio, incrociando altri mezzi pesanti, avrebbero potuto causare incidenti. Impossibile, poi, autorizzare la sola circolazione di auto e moto. E’, dunque, necessario che la galleria risulti sgombra in un senso di marcia prima di dare il via ai veicoli che viaggiano nel senso inverso per evitare incroci pericolosi, anche se causati da una banale foratura o guasto meccanico". Sarà, comunque vietato, il transito ai veicoli che trasportano merci pericolose o esplosivi.