La cascata di Santa Colomba

 

In occasione dei festeggiamenti di Santa Colomba e grazie all’impegno dell’Amministrazione Separata di Pagliara è stata riaperta dopo quarant’anni l’omonima cascata. Uno spettacolo imperdibile, come testimoniano le foto che pubblichiamo.

Purtroppo la cascata è rimasta aperta per soli quindici giorni, fino al 1 Settembre, e quindi è stato uno spettacolo riservato solo a pochi turisti. La bellezza della zona dove si trova la cascata (Vena Rossa), deve farci riflettere, a noi cittadini, ma soprattutto ai nostri amministratori, attuali e precedenti, su cosa abbiamo perso a causa delle indiscriminate captazioni dell’Enel e del Ruzzo, che tra l’altro non garantiscono neanche il minimo vitale ai nostri fiumi.

Potete scaricare le foto ad alta risuluzione.

  • Anonymous User

    Ecco un esempio di poca lungimiranza dei nostri amministratori, cosa facevano quando si firmavano gli accordi con Enel e Ruzzo?

    Ti piace il commento?
  • Anonymous User

    Mah, non sarei così sicuro che la competenza sia del Comune. Bisognerebbe studiare il contratto e cosa dicono le leggi in merito allo sfruttamento della risorsa acqua.
    Barbara

    Ti piace il commento?
  • Anonymous User

    Ciao!

    Ti piace il commento?
  • Anonymous User

    peccato, perchè non essendo originaria del posto non sono riuscita a trovare il sentiero giusto..dite che in sentiero è ben indicato?!forse per chi sa già dove andare e qual'è la "direzione" per la meta!
    arrivata al bivio per il castello di pagliara giro a destra e lascio la macchina poco dopo, arrivo a piane del fiume a piedi e se lì ci fosse stato un cartello chiaro del tipo "eremo" o qualcosa del genere non avrei proseguito per un'ora su quello che sembrava il sentiero principale ma che non mi ha portato da nessuna parte se non a costeggiare il ruzzo.
    al ritorno ho incontrato un signore che mi ha detto avrei dovuto guadare il fiume
    ma un cartello ogni tanto invece di quei simboli di vernice no?!?!magari le bellezze sono più apprezzate dai turisti (quando le trovano) che non (a quanto scrivete) da chi ci vive

    Ti piace il commento?
  • gianluca

    Purtroppo abbiamo un parco che pensa a realizzare trasmissioni televisive e non ad attrezzare la corretta toponomastica dei luoghi da visitare.
    Tutti dicono di voler puntare sul turismo, ma pochi hanno capito che bisogna partire dalle piccole cose e non da progetti faraonici.
    Un turista in meno.

    Ti piace il commento?