Si è conclusa da poco la seconda edizione del Minibasket Day di Roseto Degli Abruzzi, che ha avuto luogo
nello splendido e glorioso scenario del Palamaggetti.
Domenica 9 Dicembre è stata una vera e propria passerella per giovanissimi aspiranti cestisti, un’intera
giornata dedicata alla passione dei bambini per il mondo del basket. La competizione, di risonanza regionale, ha interessato bambini e ragazzi di varie fasce di età, dai 6 ai 10 anni, un’occasione unica per valorizzare lo sport e far socializzare bimbi di paesi abruzzesi diversi; infatti, molte le società presenti, da Roseto, Roseto Panthers, Blue Basket Isola, Nereto, BBE Pescara, Magic Chieti, Pescara Basket, L’Aquila, Penne.

Hanno ben figurato le nostre piccole promesse isolane in mezzo a Società storiche e più blasonate nell’ambito del panorama della Pallacanestro Nazionale, a dimostrazione del fatto che la nostra piccola
cittadina ai piedi del Gran Sasso, grazie alla Società Blue Basket, da anni sta lavorando seriamente e con passione per regalare sogni e aspettative ai nostri piccoli atleti.

Un successo inaspettato per Isola che, nella patria del Basket ed in competizione con realtà più radicate, è riuscita a primeggiare con numerose vittorie, grazie agli incoraggiamenti dei tifosi e tanta soddisfazione per i piccoli e validi aspiranti giocatori.
Davanti ad un numeroso pubblico c’è stata anche la presenza importante del Presidente del Comitato
Regionale Abruzzo Francesco Di Girolamo che ha voluto ringraziare tutti i partecipanti omaggiandoli anche di piccoli gadget inerenti il tema, insieme naturalmente agli organizzatori dell’evento, il Presidente
dell’Associazione Blue Basket Romano Chiappini, l’Allenatore delle nostre squadre isolane Attilio Verrigni
ed il suo valido collaboratore Massimo Chiappini.

La vittoria della squadra isolana è stato un trofeo meritato, soprattutto alla luce delle tante difficoltà che i nostri ragazzi incontrano ogni giorno per coltivare le proprie passioni sportive e perseguire i loro possibili
successi futuri. Terminate le feste per la vittoria, i piccoli atleti tornano purtroppo alla difficile realtà: gli oltre settanta ragazzi dispongono di una sola struttura per allenarsi, la palestra della scuola
elementare, non idonea persino per le gare di minibasket che gli allievi possono, quindi, tenere solo in
trasferta.

In aggiunta, è spesso condivisa tra le varie associazioni, con problemi logistici e di organizzazione di
orari; senza poter disporre di riscaldamento e servizi igienici e spesso costretti ad un esodo continuo verso la palestra di Colledara. Ma ancor più scoraggiante è che se non si individua al più presto una sistemazione più adatta, il percorso dei nostri aspiranti giocatori è destinato ad interrompersi subito, dopo i 10 anni di età, in quanto la struttura attuale non è adeguata per allenamenti e competizioni degli under 13, come probabilmente non lo sarà la palestra delle nuove scuole in costruzione, considerando anche tutte le problematiche connesse alla loro realizzazione.

Rammarico e sconcerto, invece, per la situazione della palestra della ex Scuola Media di Isola, la quale
rispetta i parametri di una struttura idonea per gli allenamenti e le gare di Pallacanestro di squadre giovanili e di serie D. Da quando gli eventi sismici hanno reso inagibile la struttura, solo per criticità di lieve entità, che ad oggi non sono ancora sistemate, la squadra di Isola ha dovuto anche rinunciare al Campionato in serie D, nonostante vi fosse arrivata con tanto successo.

Il timore, quindi, è che una valida realtà sportiva come la nostra possa finire e svanire a discapito
delle capacità e dei sogni dei nostri piccoli campioni.
Non permettiamo che a Isola Del Gran Sasso tutto sia destinato a morire!