Ieri a San Gabriele l’iniziativa dell’associazione Genius Loci e del Day Hospital Oncologico della Asl.

Saltare la chemioterapia per una bella giornata di sole, per concedersi una mattinata di svago in compagnia in montagna, al santuario di San Gabriele dell’Addolorata. È accaduto ieri mattina a 22 pazienti del Day Hospital Oncologico dell’Ospedale “Mazzini” di Teramo, accompagnati da dal direttore del unità complessa di Oncologia Amedeo Pancotti, dagli infermieri e dai collaboratori del reparto di Oncologia e dal direttore sanitario della Asl di Teramo, Maria Mattucci, che ha voluto esserci a tutti i costi.

L’iniziativa “Salto la chemio e me ne vado in montagna”, organizzata dall’associazione Genius Loci presieduta dalla dottoressa Maura Ianni in collaborazione con la Asl di Teramo è iniziata alle 9.30 con il viaggio in pullman messo a disposizione gratuitamente dalla TUA verso il santuario. Dopo la funzione religiosa e una visita guidata delle due basiliche, la “gita” è terminata con un lauto pranzo a base di frittelle e prosciutto in un ristorante della zona con la presenza del mitico ‘Nduccio.

La foto di gruppo a San Gabriele ed il pranzo alla Tana degli Orsi di Isola del Gran Sasso

«La giornata – ha detto il direttore sanitario della Asl di Teramo, Maria Mattucci – è stato un modo per aiutare i pazienti a familiarizzare tra loro per cercare di rompere l’isolamento generato dalla malattia e imparare a condividere la diagnosi, l’approccio alle cure e per alcuni anche la guarigione. Sono molto soddisfatta di aver partecipato a questa iniziativa. Per noi che viviamo dietro le scrivanie e le malattie le vediamo solo da lontano e non abbiamo modo di condividere con i pazienti l’approccio alla patologia, alle terapie, e alle liste d’attesa, iniziative come questa ci permettono di scendere direttamente in campo. La mia presenza qui oggi rappresenta la vicinanza delle istituzioni sanitarie ai malati, è un modo per scendere in mezzo a loro come abbiamo fatto in precedenza sia con gli screening che con i vaccini. Non è stata una giornata di sofferenza ma un messaggio di speranza e di riflessione sul vero senso della vita. I malati oncologici hanno molto da insegnarci».

«Un ringraziamento di cuore a tutti coloro che hanno generosa- mente contribuito a realizzare una giornata così ricca e speciale. Il contributo di ognuno è stato prezioso e indispensabile – è il ringraziamento dell’associazione Genius Loci – Grazie all’azienda TUA per il trasporto gratuito, al Santuario di San Gabriele per l’accoglienza, al Ristorante “La Tana degli Orsi” per il pranzo offerto ai Pazienti, all’azienda De Cecco per i prodotti donati, a ‘Nduccio per la lieta presenza, a tutto il Personale sanitario del Day Hospital Oncologico di Teramo per la collaborazione, al Centro Servizi per il Volontariato di Teramo per il sostegno e al blog I due Punti per l’attenzione».

Fonte: La Città