Rifondazione e Forza Italia attaccano Bucciarelli (Il Messaggero)

 

Ultimatum di Rifondazione e Forza Italia, a Isola, dopo il terremoto politico dell’adesione del sindaco Giuseppe Bucciarelli all’Udeur.

"Avevamo detto che non sarebbero stati accettati trasformisti dell’ultima ora al tavolo dell’Unione e nelle liste" sentenzia Rifondazione. "E’ impensabile che Bucciarelli e gli altri eletti del centrodestra possano stare, a qualsiasi titolo, con l’Unione. Quindi, o l’Udeur smentisce che ci sia stato o sia in corso l’abbraccio con l’attuale sindaco, o non parteciperà più alle trattative insieme a Rifondazione".

Il coordinatore di Forza Italia, Germano Cervella, invece, chiede ai vertici di An ed Udc di lasciare la maggioranza e al sindaco di dimettersi. Cervella, che già tre anni fa, con Giovanni Torbidone, costituì in Consiglio un gruppo a parte di Forza Italia, abbandonando la maggioranza, oggi, all’indomani della scelta di campo di Bucciarelli e del suo gruppo moderato, vuole che i partiti del centrodestra aprano la crisi ed escano da una coalizione che crea equivoci. "E’ un’amministrazione guidata da fantasmi – accusa Cervella -, con il sindaco sempre a Pescara e il vice sempre a Bologna. Bucciarelli è nato come sindaco espresso da Forza Italia, anche se abbiamo sempre conosciuto le sue posizioni vicine a Rocco Salini, ma adesso ha ufficializzato l’adesione all’Udeur e i partiti del centrodestra non possono continuare a restare in maggioranza proseguendo nell’equivoco politico".

Fonte: Il Messaggero

  • gcervi

    Manco da qualche tampo, o meglio dalle ultime elezioni comunali, vi dirò che girovagando per il paese sono rimasto sorpreso nel vedere che qualche cosa a livello strutturale sia cambiato visto che in cinque anni mi sono arrivate solo notizie negative riguardo questa nostra amministrazione, vuoi vedere che questo nostro scalcinato sindaco (che mi dicono non sappia neanche parlare correttamente l'italiano) insieme ai suoi amministratori (accusati di non essere mai presenti) abbiano fatto realmente qualcosa? Sono capitato in oltre nel bel mezzo di questo terremoto se così si può chiamare, Forza Italia lasciatolo partito di maggioranza tra i moderati di centro destra, ritrovatolo ridotto ai minimi termini tra gli estremisti di destra (forse se facciamo un censimento forza nuova ha più iscritti), i DS partito di maggioranza di sinistra (vedasi le ultime elezioni regionali e provinciali) apparentemente forte e compatto che non riesce a trovare un suo leeder tanto da dover richiamare i fantasmi
    del passato e per finire il nostro primo cittadino mescola le carte in tavola balzando da una coalizione all'altra (non essendo opportunista a differenza di qualche altro, sarà forse servilista) chiedo quindi signori politici di sinistra o destra che voi siate siete pronti ad affrontare una nuova tornata elettorale oppure serebbe meglio che facciate un passo indietro lasciando il posto a chi realmente è in grado di fare politica?

    Ti piace il commento?
  • MariannaMJ

    gcervi dicci chi è!
    io non ne trovo uno neanche a livello nazionale 😉

    Ti piace il commento?
  • Fidel

    gcervi ha scritto:"Manco da qualche tampo, o meglio dalle ultime elezioni comunali, vi dirò che girovagando per il paese sono rimasto sorpreso nel vedere che qualche cosa a livello strutturale sia cambiato….", si è vero sono cambiate le foglie degli alberi e l'erba dei prati, mi spieghi cosa hai trovato di nuovo?

    Ti piace il commento?
  • gianluca

    Sulla bontà di questa amministrazione decideranno i cittadini.
    Personalmente sono rimasto molto deluso dai DS. Non hanno fatto una bella figura nella scelta al loro interno del candidato sindaco da proporre alla coalizione di centrosinistra. Indipendentemente dalle persone scelte, non si può tornare indietro sulla scelta nel giro di 15 giorni: per chi non fosse al corrente della situazione, inizialmente era stato scelto Alfredo Di Varano, poi, non si sa per quale motivo, hanno cambiato idea e adesso pare che la scelta sia caduta su Francesco Di Gialleonardo. Ripeto, senza entrare nello specifico dei nomi dei prescelti, ma dove sta la trasparenza? Le primarie non hanno insegnato nulla? Agli elettori non spiegate nulla sul perchè delle vostre scelte? IO come elettore ho il diritto di sapere perchè si cambia candidato, perchè uno non è adatto mentre un altro si.
    Ma il timore maggiore è un altro: in caso di vittoria, le divisioni all'interno del partito (che da quello che si sente ci sono state, visto anche le dimissioni del segretario) non rischiano di ripercuotersi sulla futura amministrazione? Spetta ai DS smentire con i fatti questo rischio.

    Ti piace il commento?