Ultimatum di Rifondazione e Forza Italia, a Isola, dopo il terremoto politico dell’adesione del sindaco Giuseppe Bucciarelli all’Udeur.

"Avevamo detto che non sarebbero stati accettati trasformisti dell’ultima ora al tavolo dell’Unione e nelle liste" sentenzia Rifondazione. "E’ impensabile che Bucciarelli e gli altri eletti del centrodestra possano stare, a qualsiasi titolo, con l’Unione. Quindi, o l’Udeur smentisce che ci sia stato o sia in corso l’abbraccio con l’attuale sindaco, o non parteciperà più alle trattative insieme a Rifondazione".

Il coordinatore di Forza Italia, Germano Cervella, invece, chiede ai vertici di An ed Udc di lasciare la maggioranza e al sindaco di dimettersi. Cervella, che già tre anni fa, con Giovanni Torbidone, costituì in Consiglio un gruppo a parte di Forza Italia, abbandonando la maggioranza, oggi, all’indomani della scelta di campo di Bucciarelli e del suo gruppo moderato, vuole che i partiti del centrodestra aprano la crisi ed escano da una coalizione che crea equivoci. "E’ un’amministrazione guidata da fantasmi – accusa Cervella -, con il sindaco sempre a Pescara e il vice sempre a Bologna. Bucciarelli è nato come sindaco espresso da Forza Italia, anche se abbiamo sempre conosciuto le sue posizioni vicine a Rocco Salini, ma adesso ha ufficializzato l’adesione all’Udeur e i partiti del centrodestra non possono continuare a restare in maggioranza proseguendo nell’equivoco politico".

Fonte: Il Messaggero