Approvato il bilancio consuntivo, il piano triennale delle opere pubbliche e lo statuto per la costituzione di una società pubblico-privata per esternalizzare alcuni servizi del comune.
Forte opposizione di Forza Italia (che ha bocciato il bilancio, insieme al centro sinitra).
L’ex sindaco Fiore Di Giacinto: “Non mi candido a sindaco solo se perdo le primarie”, una richiesta al centro sinistra di svolgere le primarie per la scelta del candidato.Strano consiglio comunale quello di ieri sera, dopo l’adesione del Sindaco Giuseppe Bucciarelli all’Udeur. Vedere Alleanza Nazionale e Udc appoggiare un sindaco che è passato al centro sinistra lascia qualche dubbio; comuque ecco i punti salienti approvati dal consiglio:

  • piano triennale delle opere pubbliche: i progetti su cui punta l’amministrazione per il triennio 2006-2008, tra i più importanti segnaliamo: pista ciclabile tra i parcheggi del Terminal ed Isola, Ovovia per collegare il nostro versante con Prati di Tivo, ristrutturazione dell’asilo, strada per collegare Borgo San Leonardo con Cesa di Francia.
    Queste opere sono progetti per i quali l’Amministrazione dovrà trovare gli opportuni finanziamenti.
  • approvazione del bilancio consuntivo. Il bilancio è in pareggio, tra le opere pubbliche previste segnaliamo:
    • apertura del centro multimediale presso l’ex asilo Natalina Lucci;
    • realizzazione del Country Hospital presso la struttura dove oggi risiede la Croce Bianca;
    • realizzazione di una rotonda presso il bivio di Cesa di Francia (di fronte alle villette);
    • nessun aumento delle tasse comunali (Ici e Tarsu);

    Durante la discussione c’è stato un duro scontro tra il consigliere Cervella e l’assessore Gaetano Di Giuseppe, in particolar modo sul raddoppio della tariffa sull’acqua che i cittadini hanno subito negli ultimi anni. Cervella (che rappresenta insieme a Torbidone il gruppo di Forza Italia) ha contestato il concetto espresso dal sindaco sul non aumento delle tasse a livello comunale: secondo il consigliere l’aumento della tariffa sull’acqua è da considerarre una nuova tassa per i cittadini. Di Giuseppe ha ribattuto segnalando che la tassazione del comune è una delle più basse nella nostra provincia. L’opposizione di centro sinistra ha contestato al sindaco le affermazioni fatte durante la campagna elettorale del 2001, nelle quali definiva la tassazione del periodo ingiustastamente elevata, mentre in questi cinque anni la tassazione non è stata diminuita ma è rimasta invariata quindi "o voi avete fallito il vostro obiettivo di abbassare le tasse oppure queste non erano elevate come avevate denunciato" ha chiosato il consigliere Di Giacinto.

  • è stato approvato lo statuto e l’associazione di una nuova società mista pubblica (60%) e privata: l’obiettivo è assegnare al nuovo soggetto una serie di servizi pubblici: cura del verde pubblico, gestione dei cimiteri, gestione del futuro centro turistico, pulizia delle strade, gestione dei servizi informatici, in parole povere una privatizzazione dei servizi (il sindaco ha preso ad esempio la società operante a Teramo "TeramoAmbiente"). Il documento è stato approvato all’unanimità.

Finalmente qualche chiarimento anche sui prossimi candidati a sindaco per le elezioni: a domanda diretta del consigliere Cervella su una sua candidatura a sindaco, Fiore Di Giacinto ha dichiarato: "non mi candido a sindaco solo se vengo sconfitto nelle primarie", traducendo dal politichese abbiamo:

  1. Fiore Di Giacinto vuole candidarsi a sindaco;
  2. la condizione per non creare una propria lista concorrente al centro sinistra è svolgere le primarie per la scelta del candidato.

La domanda sorge spontanea: quando si dovrebbero svolgere le primarie? Viste le prossime scadenze elettorali sarà possibile trovare una domenica disponibile per svolgere le primarie?